Art. 229 - Recesso ex Articolo 2119 Codice Civile

Ai sensi dell'art. 2119 c.c., ciascuno dei contraenti può recedere dal contratto di lavoro, prima della scadenza del termine se il contratto e a tempo determinato, o senza preavviso se il contratto è a tempo indeterminato, qualora si verifichi una causa che non consenta la prosecuzione anche provvisoria del rapporto (giusta causa).

La comunicazione del recesso deve essere effettuata per iscritto, a mezzo di lettera raccomandata con ricevuta di ritorno o altro mezzo idoneo a certifica-re la data di ricevimento, contenente l'indicazione dei motivi.

A titolo esemplificativo, rientrano fra le cause di cui al primo comma del presente articolo:

  • il diverbio litigioso seguito da vie di fatto in servizio anche fra dipendenti, che comporti nocumento o turbativa al normale esercizio dell'attività aziendale;
  • l'insubordinazione verso i superiori accompagnata da comportamento oltraggioso;
  • l'irregolare dolosa scritturazione o timbratura di schede di controllo delle presenze al lavoro;
  • l'appropriazione nel luogo di lavoro di beni aziendali o di terzi;
  • il danneggiamento volontario di beni dell'azienda o di terzi;
  • l'esecuzione, senza permesso, di lavoro nell'azienda per conto proprio o di terzi.

Se il contratto è a tempo indeterminato, al prestatore che recede per giusta causa compete l'indennità di cui al successivo art. 235

Comparto CCNL