Art. 3 - Comitato consultivo di partecipazione

Nelle aziende che occupano complessivamente più di 1500 dipendenti e con almeno due unità produttive con più di 300 dipendenti o almeno una unità produttiva con più di 500 dipendenti è costituito, su richiesta di una delle parti, il Comitato consultivo di partecipazione composto da 3 a 6 rappresentanti dell'impresa e da un uguale numero di componenti in rappresentanza congiunta delle organizzazioni sindacali, nazionali o territoriali, stipulanti il presente contratto e della rappresentanza sindacale unitaria.

Il comitato consultivo di partecipazione si riunisce almeno una volta all'anno o su richiesta di parte motivata da circostanze rilevanti concernenti il complesso aziendale per esaminare:

  • 3.1 struttura e tendenze dei mercati su cui opera l'azienda;
  • 3.2 strategie industriali anche con riferimento a eventuali modifiche organizzative;
  • 3.3 andamento dell'occupazione con riferimento alle possibili tipologie di assunzione.

Il comitato consultivo di partecipazione è inoltre convocato dall'azienda in caso di scelte strategiche rilevanti riguardanti l'assetto industriale e le prospettive dell'occupazione anche al fine di consentire ai rappresentanti sindacali di esprimere un parere.

I partecipanti alle riunioni sono tenuti alla riservatezza sulle informazioni di carattere confidenziale ed al rigoroso rispetto del segreto industriale su fatti e dati di cui vengono a conoscenza.

Le parti in sede aziendale potranno concordare di dare corso, in occasione degli incontri, agli adempimenti di cui all'art. 8, Sezione Prima, del presente CCNL.

Sono fatti salvi gli eventuali accordi aziendali esistenti in materia.

Comparto CCNL